Home
Condizioni generali
Corsi
Comportamento
Articoli
Links
Contatto

Comunicare con Fido


Vivendo insieme, i nostri amici a quattro zampe e noi ci troviamo di fronte a situazioni nelle quali, per forza di cose, dobbiamo comunicare.

Può capitare che il messaggio non passi e che sorgano incomprensioni e malintesi.
Perché? Possiamo evitarli? Come?

Due domande in particolare possono indicarci la via da seguire: noi capiamo ciò che Fido ci comunica?
E Fido capisce ciò che noi gli comunichiamo?

La comunicazione è una trasmissione di informazioni da parte di un emittente (cosa o persona che emette le informazioni) ad un ricevente (cosa o persona che riceve le informazioni).
Nella comunicazione, è molto importante che le informazioni siano chiare, infatti, se il ricevente non capisce le informazioni mandate dall'emittente, non vi è comunicazione.

Per esserci comunicazione tra uomo e cane, dobbiamo essere sicuri che le informazioni mandate dall'uomo siano chiare per il cane - e viceversa.

Spesso, incomprensioni e malintesi nascono proprio da qui.

Per esempio, Fido salta addosso ai suoi padroni quando tornano a casa e loro gli dicono NO, BASTA, GIÙ per farlo smettere.
Il risultato è che Fido continua a saltare addosso ai proprietari.
Che cosa non funziona nella comunicazione? Il messaggio dei padroni non è chiaro per il cane, infatti, Fido non può sapere che no-basta-giù, significa rimani-con-le-4-zampe-a-terra-invece-di-saltarmi-addosso.

Se, invece, i proprietari gli insegnano che quando si siede riceve le carezze, ma che quando salta addosso non riceve nulla (neanche uno sguardo!), il messaggio diventa chiaro.
Il risultato è che il cane impara a sedersi invece di saltare addosso: l'informazione è precisa e la comunicazione passa.

I cani e noi abbiamo due sistemi di comunicazione diversi.
L'elemento dominante del nostro sistema di comunicazione è la parola.
Quando noi vogliamo comunicare, parliamo. Parliamo alla nostra famiglia, parliamo ai nostri amici, parliamo al nostro cane.

Quest'ultimo, però, ha una capacità molto limitata di capire il nostro linguaggio verbale.

I cani, infatti, per comunicare non utilizzano la parola, bensì altri segnali, come per esempio le posture del corpo, alcuni suoni, determinate molecole olfattive.

Quando un cane incontra un individuo, sia esso un altro cane o un essere umano, utilizza il suo linguaggio per capire e farsi capire - ad esempio, osserva con attenzione i minimi segnali dati dalle posture del corpo dell'altro e contemporaneamente usa il suo corpo per mandare determinati messaggi.

Il nostro cane, quindi, fa più attenzione a ciò che facciamo (il linguaggio corporeo) che a ciò che diciamo (il linguaggio verbale) - per esempio, quando chiediamo al nostro cane di sedersi, gli diciamo SEDUTO e contemporaneamente alziamo l'indice della mano destra; quando torniamo a casa portando le borse della spesa e diciamo SEDUTO, Fido non si siede… perché? Perché manca un elemento: l'indice della mano destra….

Quando vi sono problemi nella comunicazione, chiediamoci sempre se i segnali che diamo ai nostri amici a quattro zampe sono chiari per loro!

Inoltre, istruiamoci il più possibile sul loro linguaggio e comportamento, di modo che i messaggi che loro trasmettono siano chiari per noi.

Per saperne di più sul mondo di Fido e compagni …

… arrivederci al prossimo appuntamento!


Alessandra Bourquin
Copyright (C) 2004-2019 Alessandra Bourquin - All rights reserved